Quali documenti servono per ottenere la certificazione ISEE 2021 dall’INPS? L’ acronimo ISEE, lo ricordiamo, sta per Indicatore della Situazione Economica Equivalente. L’attestazione che certifica tale indicatore definisce lo stato economico del nucleo familiare.

L’Isee è necessaria per poter accedere a servizi sociali o assistenziali in modo gratuito o agevolato: dagli sconti sulla mensa scolastica al Reddito di Cittadinanza, solo per fare qualche esempio.

L’Isee 2021, si potrà ottenere, come sempre, fornendo, attraverso la Dichiarazione Sostitutiva Unica, informazioni sul reddito di chi presenta la Dichiarazione e dati relativi agli altri membri del nucleo familiare. La DSU infatti è un documento che raccoglie dati anagrafici, patrimoniali e reddituali.

Per il calcolo dell’ISEE, dunque, sono conteggiati tutti i fattori che influiscono sull’economia di una famiglia, inclusi conti correnti, case e altri beni immobili e mobili.

I dati considerati sono quelli di 2 anni prima, sia per quanto riguarda i patrimoni che per i redditi percepiti. Nel 2021 si userà quindi la dichiarazione dei redditi 2020 che riguardava i dati del 2019.

Documenti per l’ISEE 2021

Ecco cosa è necessario per la compilazione della DSU e il calcolo dell’ISEE 2021:

– codice fiscale di tutti i componenti del nucleo familiare;

– in caso di affitto, contratto in essere al momento della compilazione della DSU e copia dell’ultimo canone pagato;

– in caso di mutuo sulla casa di proprietà (o su altri immobili) certificazione della quota residua dei mutui;

– Modello 730 o Modello Unico e Modelli CUD relativi ai redditi percepiti nel 2019,

– documenti o certificati che attestino:

  • indennità, trattamenti previdenziali e assistenziali,
  • borse e/o assegni di studio, assegni di mantenimento per coniuge e figli,
  • redditi prodotti fuori dall’Italia, redditi esenti ai fini Irpef;

depositi bancari o postali, libretti di deposito, titoli di stato, BOT, CCT, azioni, obbligazioni, buoni fruttiferi posseduti al 31 dicembre 2019

fondi di investimento, forme assicurative di risparmio e di gestione del patrimonio in Italia e all’estero posseduti al 31 dicembre 2019

giacenza media annua di depositi bancari e/o postali (viene rilasciata dalla Banca o dalla Posta)

– documenti relativi al patrimonio immobiliare (anche all’estero): certificati catastali, successioni, atti di compravendita, eccetera; di eventuali immobili fuori dall’Italia, occorre indicare il valore IVIE;

targa o estremi di iscrizione al PRA di: autoveicoli e motoveicoli di cilindrata uguale o maggiore di 500cc, navi e imbarcazioni da diporto posseduti nel momento della presentazione della Dsu;

– eventuali certificati di invalidità;

– per gli invalidi: spese sostenute per strutture residenziali e/o per l’assistenza personale.

Dall’invio della DSU trascorrono circa 10 giorni lavorativi prima di ottenere il calcolo dell’Isee. L’Isee 2021 resta valido fino al 31 dicembre 2021, indipendentemente dal momento dell’anno in cui è stato richiesto.

Per qualsiasi informazione sull’elaborazione del tuo ISEE, contattaci 📞+39 388 437 73 58